Imparare sbagliando: il C.V. dei fallimenti

il c.v. dei fallimenti di johannes haushofer

Sbagliando si impara!

…dice un noto proverbio italiano.

E nonostante nasconda una grande verità lo utilizziamo senza pensare al suo vero significato, confinandolo a frase fatta per consolare qualcuno o come scusante per i nostri sbagli.

Ma a conti fatti facciamo tutti l’esatto contrario: quando sbagliamo infatti, non riflettiamo sui nostri errori… con il risultato che non impariamo niente!

Se anche tu ti riconosci in questa situazione, non ti preoccupare, è assolutamente normale!

Matthew Syed, giornalista e autore del libro “Black Box Thinking”, chiarisce come al giorno d’oggi viviamo una società che tende a colpevolizzare il fallimento e a premiare il successo, così nel lavoro come nella vita privata. Può sembrare giusto, ma nella realtà la strada per arrivare al successo non è così facile.

Pensa, ad esempio, a quando eri uno studente: a meno che tu non abbia frequentato una scuola o un’università particolarmente innovativa, ricorderai ore passate sui libri a studiare e fare esercizi per dare il massimo agli esami. Un brutto voto non era assolutamente contemplato e sarebbe costato una punizione. La tua vita scolastica era racchiusa in un ciclo di lezioni frontali, “studio matto e disperatissimo” ed esami. Di sperimentare, provare nuove cose o prendersi dei rischi, nemmeno a parlarne!

Fin da piccoli veniamo influenzati da questa mentalità e crescendo, sviluppiamo la paura di fallire; arriviamo addirittura ad evitare la possibilità di affrontare nuove sfide, anche quelle che ci porterebbero al successo. Ma il fallimento, più che una minaccia, dovrebbe essere considerato come parte del percorso:

“Se vuoi diventare un grande musicista, devi prima suonare molta cattiva musica. Se vuoi diventare un grande tennista, devi prima perdere molte partite…” – Babineax and Kumboltz, psicologi (da “Black Box Thinking” di M. Syed)

I nostri errori nero su bianco: il C.V. dei fallimenti

Nel 2010 Melanie L. Stefan, docente della Scuola di Scienze Biomediche dell’Università di Edimburgo invita, in un articolo su Nature, a realizzare oltre al classico C.V. dei successi, anche quello dei fallimenti.

Ad accettare l’invito è stato ad esempio Johannes Haushofer, assistente docente di Psicologia alla Princeton University, che tra insuccessi scolastici e professionali, come articoli rifiutati, fondi per la ricerca non concessi e borse di studio non assegnategli dimostra come dietro ai suoi successi (visibili) ci siano stati tanti tentativi fallimentari (invisibili).

processo prova, fallisci e ottieni il successo

Stesso discorso vale per Bradley Voytek, PhD. all’università di San Diego, che è stato anche più coraggioso! A differenza di Haushofer, che ha creato un documento a parte, Voytek ha inserito i suoi fallimenti fianco a fianco ai suoi successi, nello stesso C.V., rendendo ancora più evidente come i due aspetti siano in relazione.

“Ho sbagliato più di 9000 tiri nella mia carriera. Ho perso quasi 300 partite. 26 volte, mi hanno dato la fiducia per fare il tiro vincente dell’ultimo secondo e ho sbagliato. Ho fallito più e più e più volte nella mia vita. È per questo che ho avuto successo.” – Michael Jordan

C’è addirittura chi ha pensato che un elenco non fosse sufficiente e ha voluto spingersi più in là!

Sara Rywe, consulente di Management, ha ribaltato il suo C.V. dettagliando le competenze che le mancano e raccontando brevemente ciò che ha fatto e quali sono state la spinte emotive nel cercare di raggiungere determinati obiettivi (come colloqui di lavoro e premi) prima di fallire, evidenziando le condizioni che avrebbe dovuto soddisfare per avere successo.

E infine, Alexandra Roshchina, che a differenza degli altri, non propone un riassunto cronologico della propria vita professionale e accademica, ma racconta alcuni aspetti della propria personalità, enfatizzandone i difetti (sappi che è un pochino permalosa), ed alcune esperienze personali negative (un divorzio può insegnare molte cose); sicuramente ha il pregio di saper fare autocritica! Sarebbe interessante leggere una versione aggiornata del suo C.V. in futuro, per vedere se raggiungerà gli obiettivi che si è posta per migliorare.

E tu… stai pensando di buttare giù il tuo C.V. dei fallimenti?
Diciamoci la verità: nessuno lo manderà mai a un potenziale datore di lavoro (ah me se lo hai fatto o lo farai in futuro, segnalacelo!), ma potrebbe essere un ottimo esercizio per prepararsi ad un colloquio o anche solo per capire quali esperienze e competenze ti mancano per raggiungere i tuoi obiettivi. Come minimo utile per capire dove hai sbagliato (e perché), per non ripetere gli stessi errori e migliorarti.

“Non ho fallito. Ho solamente provato 10.000 metodi che non hanno funzionato.” – Thomas Edison

Fallo. E vedrai che al prossimo colloquio, quando il selezionatore ti farà la solita domanda idiota “qual è il suo peggior difetto?”, avrai una bella storia da raccontare.

Nina e JustKnock: il potere delle idee

L’estate scorsa ho letto la storia di Nina Mufleh, una giovane marketer con un obiettivo: lavorare per Airbnb.

Prova con email e job application, ma come spesso accade, viene ignorata.

Capisce allora che curriculum e lettera motivazionale non le bastano per farsi notare rispetto agli altri candidati e decide di tentare un approccio alternativo: crea un minisito in cui analizza il mercato turistico mondiale e propone una strategia per l’azienda, dimostrando concretamente le sue capacità!

nina4airbnb.com è il minisito creato da nina mufleh

nina4airbnb.com

Ok, non è forse l’esempio perfetto: Nina alla fine non è stata assunta!

Ma è diventata un caso virale, stimolando l’interesse di altre grandi aziende e ispirando molte persone con il suo stesso obiettivo, tanto da spingerla a creare una guida per imitarla. E dimostra soprattutto un trend molto attuale: online hai l’opportunità di dimostrare quello che sai passando così dalle parole (CV + lettera di motivazionale) a ciò che conta veramente: i fatti.

Oltre l’accoppiata curriculum e lettera motivazionale

Avete anche voi, come Nina, un brand che amate e per cui vorreste lavorare, ma avete paura che l’accoppiata curriculum + lettera motivazionale non bastino a rendervi giustizia facendovi perdere un’occasione? Allora potreste provare JustKnock, una piattaforma che vi permette di dimostrare concretamente il vostro talento, senza dover diventare un caso virale.

Come? Proponendo idee sotto forma di presentazione ai manager che loro volta, vi forniranno una valutazione e un eventuale contatto per un colloquio o un compenso.

il funzionamento di JustKnock in cinque step

Caricare una idea su JustKnock richiede pochi passaggi

Certo non è un’applicazione da tutti i giorni! Se infatti può essere un canale preferenziale per essere valutati non solo sul proprio Curriculum, bisogna mettere in conto che ideare, sviluppare e presentare un progetto è un impegno in termini di tempo ed energia e occorre valutare quando può essere un investimento, considerando che l’assunzione non è assicurata.

Chi tutela la mia idea?

E nel caso in cui non ricevessi nulla in cambio… chi tutela la mia idea? Se da una parte convince la buona fede del team, le aziende lo saranno altrettanto? Diciamolo chiaramente: “rubare” un’idea e cambiarne dei dettagli o delle funzionalità spacciandola per propria, non è poi così difficile, specialmente in un Paese in cui il lavoro creativo non è sempre riconosciuto.

A questo punto mi chiedo: può essere che JustKnock stia semplicemente anticipando le richieste che le aziende faranno in futuro ai candidati, cioè di dimostrare concretamente le proprie competenze per ottenere un lavoro? In futuro, le aziende potrebbero non richiedere più l’invio del CV, ma proporre ai candidati lo svolgimento di mini-progetti per valutarne concretamente le competenze? O più semplicemente curriculum e lettera motivazionale si evolveranno, rimanendo comunque gli strumenti più utilizzati?

Curiosi sugli sviluppi? Io sì! Credo proprio che li seguirò sulla loro pagina Facebook

Nel 2015 è meglio uno stage di una media del 30 in Università

“Nel 1920 dopo la scuola si entrava direttamente nel mondo del lavoro, lavorare per esempio in una catena di montaggio era un’ottima occasione da non lasciarsi sfuggire, testa bassa e tirare dritto dopo quarant’anni, nel 1960, si aveva la propria pensione ed una casa in cui godersi la vecchiaia.
Quindici o magari vent’anni dopo il futuro era riposto nelle mani delle Università per ampliare i propri orizzonti e studiare l’arte del management e dell’organizzazione per imparare a diventare manager. Dopo 4 o 5 anni lavorare nel gestire e organizzare la numerosa forza lavoro di una di queste aziende sarebbe stato un posto sicuro e ben retribuito quindi un occasione da non perdere.
Qualche anno dopo invece dopo aver preso il diploma molti per salire di un ulteriore gradino nella scala del progresso sociale, sarebbero diventati liberi professionisti, medico ed avvocato.
Poi quando è giunta l’era della televisione e del mass marketing, le giovani generazioni sono state incoraggiate a diventare marketer, pubblicitari, copywriter, consulenti finanziari, professioni dove si maneggiano le idee e non ferro e acciaio, quindi un lavoro totalmente astratto se confrontato con il lavoro dei nostri nonni”. Seth Godin.

Mi rivolgo qui a chi aspira a lavorare nel mondo della comunicazione digitale…
Cosa ci riserva il futuro? [Continua…]

Spotify assume, a modo suo!

Spotify ha creato una playlist davvero sensazionale ed al momento conta solo 158 follower.
“Wow che novità, Spotify crea sempre playlist!” mi potreste dire. Questa volta, però, è diverso.


La playlist si chiama “Join Spotify” ed ogni traccia presente all’interno è parte della seguente frase:

Hello! Are you looking for how to fly or maybe get a job look no further. We want awesome people like you working for us. Apply today, before it’s too late. Finally wanted to say: you’re beautiful

Eh si, avete capito bene, Spotify assume e lo fa a modo suo, attraverso una semplice playlist! [Continua…]

Post-it e Personal Branding per gli studenti dello IULM al Master in Social Media Marketing

Community Manager, Content Curator, Social Media Manager, Social Marketing Manager, Digital Manager, Web Community Supervisor…chi più ne ha ne metta!

Oggi il mercato è in continua trasformazione, dinamico e spietato, non aspetta nessuno. Ogni giorno nascono nuove posizioni lavorative nel campo digitale: una lama a doppio taglio.

Infatti l’errore più comune è quello di farsi trascinare dall’onda del mercato piuttosto che cavalcarla attraverso un posizionamento e competenze specifiche, così se il mercato richiederà un Community Manager, Digital Strategist o Social Media Manager tutti i potenziali candidati declineranno le proprie skill per queste professioni.

Ma chi fa cosa, e cosa fa chi?

Queste nuove posizioni professionali mostrano una contaminazione di skill che non permette, a priori, di distinguere le une dalle altre; ci sono agenzie alla ricerca di un Social Media Manager per svolgere le funzioni di un Community Manager e aziende che chiamano un Digital Strategist, Web Marketing Manager.
Il gap si trova non solo nella specializzazione che si vuole offrire, ma anche nella confusione professionale che non è al passo con le trasformazioni del mercato.

Master in Social Media Marketing allo IULM e le nuove professioni digitali

Per questo motivo lo scorso Ottobre, ho fatto l’assistenza agli studenti del Master in Social Media Marketing & Web Communication SDC presso l’Università IULM in una lezione di Luigi Centenaro.
Durante la lezione di Personal Branding abbiamo lavorato con i futuri professionisti del Digital sull’importanza del posizionamento e di specializzarsi in qualcosa di credibile e specifico così da tentare di “governare” il mercato e non lasciare che siano le aziende a dover fare tutto il lavoro.
La soluzione per affrontare le continue evoluzioni del mercato è sviluppare una nuova competenza: il sapersi posizionare nella maniera più credibile possibile.
Attraverso l’utilizzo del Personal Branding Canvas gli studenti hanno potuto visualizzare in mondo schematico le proprie competenze, identificando un piano di Personal Branding (Investimenti) per raggiungere il proprio obiettivo professionale.
Nell’ambito di un po’ tutti i master uno degli obiettivi di ciascun studente è quello di riposizionarsi rispetto a precedenti professioni. In questo contesto il consiglio di Luigi che è emerso più volte durante il corso è quello di non “buttare via il proprio passato”, ma di trovare un modo di valorizzare le precedenti esperienze professionali all’interno del proprio posizionamento: in che modo gli apprendimenti fatti nelle precedenti esperienze saranno utili ai tuoi futuri datori di lavoro nella tua nuova professione? In che modo le tue precedenti esperienze aumentano la tua credibilità in un certo settore o competenza?

Conoscere il mercato

Personalmente vi consiglio non solo di riempirvi le tasche di post-it per iniziare la propria strategia con il Personal Branding Canvas, ma anche di fare una vera e propria ricerca di mercato. Ad esempio leggendo “Le nuove professioni del web” di Giulio Xhaet. Un tempo Internet era un luogo per soli smanettoni, oggi invece la Rete è un’estensione del mondo fisico, dove da una parte della strada ci sono persone che esprimono e condividono opinioni e dall’altra parte aziende e agenzie alla ricerca di figure professionali inedite. Analizzate i vostri punti di forza, l’identità e le competenze per trovare il giusto posizionamento; il libro di Giulio, sarà il vostro asso nella manica per riuscire a definire quale potrebbe essere la professione fatta su misura per voi.