PersonalBranding.it è un progetto di Luigi Centenaro e di

Bigname

I 10 trend del Personal Branding del 2023: EXTRA UMANO

William Arruda
William Arruda
William Arruda è considerato il massimo esperto al mondo di Personal Branding. Co-autore di Digital You per Hoepli, ha fondato Reach 360, un servizio di indagine online sullo stato del proprio Personal Brand.

Il 2022 ha segnato il 25° anniversario del Personal Branding. Giusto l’anno in cui il business è diventato più umano che mai. È anche ironico che sempre più tecnologia abbia permeato la forza lavoro. O forse è stata una reazione alla tecnologia o un contrappunto alla perdita di connessione umana sul lavoro grazie al remote working.

Il 25° anniversario, insieme al passaggio al lavoro ibrido, sta inaugurando un nuovo modo di fare Personal Branding. Questo insieme ad un rinnovato interesse per l’argomento da parte di quei datori di lavoro che credono saggiamente che i loro “umani” siano la loro risorsa più preziosa.

Ecco perché affermo che la tendenza principale del 2023 (qui la mia previsione riguardo al 2022) riguarda proprio l’essere extra umani. Ciò si ripercuote sui 10 trend che ritengono governeranno il 26° anno del Personal Branding:

1. L’emergere del leader post-Covid

Lo stile di leadership si sposta drasticamente verso l’ispirazione e il coaching costruito su una base di intelligenza emotiva. La consapevolezza di sé è sempre più importante per i leader, i cui ruoli stanno subendo un’enorme evoluzione. Una gestione efficace significherà diventare molto più di un custode della produttività e dell’esecuzione orientato ai risultati. Il nuovo leader moderno sarà descritto con parole come compassione, empatia, umiltà, vulnerabilità, cura, inclusività. Inizieremo a vedere più di questi attributi “umani” nelle offerte di lavoro, nei curriculum, nei profili LinkedIn e nei programmi di sviluppo della leadership che si concentrano sul lato umano del business.

2. LinkedIn diventa personale

Probabilmente hai iniziato a vedere sempre più contenuti personali nel tuo feed di LinkedIn: immagini di persone con i loro figli, storie commoventi di persone che fanno del bene alla loro comunità, persone che condividono foto della loro vacanza piena di avventure alle Maldive. Aspettati di più. LinkedIn, con i suoi quasi 1 miliardo di membri, rimarrà de facto la piattaforma di social media professionale, ma questa mossa verso un’integrazione dei contenuti personali con le storie di lavoro tradizionali è in risposta alla linea in rapida dissoluzione che separa il lavoro e la vita. E questo fa bene agli affari. Il muro artificiale che ha creato la versione lavorativa di te e la vita reale sta scomparendo, dando alle persone il permesso di portare le autentiche versione di se stesse al lavoro ogni giorno.

3. La tua organizzazione ha bisogno di te

Ha bisogno che tu sia la voce del Brand verso l’esterno. Con sempre più persone che lavorano da casa del tutto o in parte, l’opportunità di immergersi nella cultura aziendale sta diminuendo. Non sei circondato dal logo e dai colori del brand e i tuoi sensi non respirano l’essenza aziendale. Eppure sei diventato una parte più importante della strategia di branding dell’organizzazione di cui fai parte. Questo perché i dati mostrano che quando ti impegni nelle comunicazioni del marchio per l’organizzazione, è più credibile e diventa più virale che se lo facesse il reparto marketing. I programmi di branding aziendale e gli sforzi di Employer Branding avranno TE come star. Quando diventi un ambasciatore per la tua organizzazione, crei una connessione più profonda con essa, dimostri la tua lealtà e crei visibilità sia per il tuo brand che per quello dell’azienda.

4. Le riunioni si rinnovano notevolmente

Quando il Covid ha colpito, abbiamo fatto un passaggio immediato e difficile ma fattibile alle riunioni virtuali; ma non abbiamo davvero imparato cosa serve per condurre e partecipare a riunioni che si svolgono sui nostri schermi da 13 pollici (tanto meno quelli che stanno nel palmo d’una mano). Ora è chiaro che la temuta riunione Zoom è qui per restare ma anche che alcune delle cose che odiamo delle riunioni online verranno presto risolte grazie a nuove tecnologie e strumenti per rendere più accattivante lo sguardo su quello schermo. Significa anche sviluppare nuove competenze per padroneggiare queste riunioni complesse che includono persone in una sala conferenze e altri che si trovano in uffici domestici, spazi di lavoro condivisi e Starbucks. Come descritto ampiamente in Digital You, le riunioni rimangono uno dei modi più potenti per costruire il tuo Personal Brand. Ti permettono di mostrare ciò che conta alle persone che devi influenzare. Gli incontri del futuro saranno contrassegnati da durate più brevi, maggiore interazione e un’esperienza migliorata attraverso la tecnologia, insieme a un’enorme dose di umanità. Coloro che padroneggiano questi incontri lasceranno il segno e si faranno notare.

5. Personalizzazione dell’esperienza dei dipendenti

Lavora quando vuoi, dove vuoi, come vuoi è il nuovo mantra. Aspettati una maggiore flessibilità per soddisfare il tuo stile di lavoro insieme alle opportunità di personalizzare vantaggi e compensi. Google ha lanciato il programma del 20% del tempo nel lontano 2004. Consente ai dipendenti di concentrarsi un giorno alla settimana su progetti che sono importanti per loro. Aspettati sempre di più simili opportunità, anche per quanto concerne il tuo sviluppo professionale. Ci sarà più varietà di argomenti e di formati di apprendimento che mai. Il massimo della personalizzazione dell’apprendimento ti permetterà di decidere cosa e come imparare. Aspettati di vedere borse di studio che ti consentano di scegliere i programmi di apprendimento che si allineano con ciò che ti interessa e cosa vuoi fare dopo.

6. Di persona ha la priorità

Man mano che il virtuale/ibrido prende il sopravvento, le attività di persona diventano effettivamente più importanti che mai. In passato davamo per scontato che saremmo andati in ufficio. Non ci rendevamo forse conto del reale valore di lavorare a fianco dei nostri colleghi e non capivamo quanto fossero fondamentali quelle connessioni umane viscerali per la nostra capacità di coltivare relazioni e sentirci realizzati. Ora che le attività di persona per molte aziende sono meno frequenti, quei momenti assumeranno una maggiore importanza. Ciò significa che devi massimizzare il tempo in cui sei con i tuoi colleghi di persona per riunioni di tutti i team, programmi di apprendimento e sviluppo, eventi e fiere. Le attività da solista dovrebbero e saranno riservate a quei momenti in cui lavori da casa o dal tuo “terzo posto”.

Meeting e interazioni nel personal branding

7. La qualità e l’attenzione sono fondamentali per essere visti

Siamo sopraffatti da tutti i contenuti che intasano i nostri feed sui social media. C’è così tanto rumore, è sempre più difficile far vedere ed emergere le nostre cose. Ciò significa che la qualità e la coerenza strategica del tuo materiale e della tua leadership di pensiero saranno essenziali. Servirà ancora un maggiore focus sul tuo pubblico in modo da poter essere visibile, disponibile e prezioso SOLO per le persone che hai deciso di coinvolgere nei tuoi contenuti. Senza questo focus, otterrai poco ritorno sull’investimento nelle comunicazioni.

8. I feedback si disperdono

Il feedback è sempre stato importante per costruire il tuo Personal Brand e per creare una carriera appagante e di successo. In effetti, buona parte della fase di scoperta del processo di Personal Branding che descriviamo in Digital You è focalizzata sull’ottenere input dagli altri per convalidare la tua riflessione. Questo ad esempio grazie all’uso del questionario 360 che abbiamo descritto. Inoltre è fondamentale nella fase di mantenimento dove vogliamo capire se stiamo andando nella giusta direzione. La sfida oggi è proprio la perdita di quei momenti di feedback informale difficili da ricreare nel mondo virtuale. Quella la frase buttata lì velocemente da qualcuno che spunta vicino alla tua scrivania e che dice: “Ottimo lavoro con l’incontro con il cliente oggi. Hai dato loro un valido motivo per sceglierci”. O il cenno del tuo collega dall’altra parte di un tavolo da conferenza, che mostra l’approvazione di come stai conducendo una riunione. Questi momenti non si traducono facilmente nel mondo virtuale perché non puoi davvero vedere le espressioni sui volti delle persone nelle finestre di Zoom dei francobolli ed è strano chiamare qualcuno dopo una riunione per dire: “Ehi, bel lavoro”. Infatti, quando chiudi una sessione Zoom, probabilmente stai solo aprendo la successiva. Dovremo tutti diventare proattivi per cercare il feedback di cui abbiamo bisogno.

9. Le comunicazioni diventano ibride o multimediali

Man mano che diventiamo “dipendenti ibridi”, anche le nostre comunicazioni diventeranno ibride. Quando scriviamo un rapporto, potremo includere un riepilogo video e forse anche alcune infografiche. Questo vale per tutti i tipi di comunicazioni, in particolare per le riunioni. Il nuovo formato per le riunioni comporterà del “pre-lavoro” nel formato di letture, video, dati, ecc. Seguito da una potente sessione interattiva dal vivo, completata da riepiloghi della riunione e contenuti post-meeting. Tutti elementi importanti in cui veicolare il tuo Brand.

10. Le relazioni regneranno sovrane

È più difficile costruire relazioni quando la maggior parte delle nostre interazioni avviene tramite Zoom, Slack ed e-mail. Eppure le relazioni sono ancora più importanti che mai. C’è sempre di più un deficit di umanità sul lavoro e sta influenzando la salute mentale e l’impegno dei lavoratori. L’ambiente di lavoro virtuale/ibrido non rende le relazioni meno importanti, le rende solo più difficili da mantenere. Ciò significa che le aziende di successo daranno la priorità alla costruzione di relazioni e saranno deliberate nel dedicare tempo a promuovere connessioni basate sull’autenticità. Quando ho intervistato Tom Peters, il creatore del concetto di Personal Branding, sul 25° anniversario, l’ha messo in questo modo: “Il futuro del lavoro riguarda le relazioni. Relazioni. Relazioni.

Tom Peters ritratto da Tom Miron
Tom Peters ritratto da Tom Miron

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI