PersonalBranding.it è un progetto di Luigi Centenaro e di

Bigname

More

    Scopri il tuo valore

    Guest Post: Bon Ton e Personal Branding

    Alberto Presutti è maestro di Bon Ton e autore del manuale di buone maniere "Bentornato Galateo!" (Romano Editore). La sua pagina Facebook è particolarmente vivace. Le emozioni positive sono il miglior modo per veicolare la nostra immagine e conoscere le...

    La coda lunga delle celebrità

    "Oggi un artista non ha più bisogno di un milione di fan. Ne bastano mille per guadagnare, divertirsi e diventare una microcelebrità" scriveva Kevin Kelly nel Marzo 2008. E ancora nell'ottima traduzione di Internazionale "La teoria della coda lunga funziona perfettamente...

    Strategie senza Obiettivi? Con Claudio Belotti puoi definirli in un giorno

    Non ci stancheremo mai di insistere su uno degli assunti più importanti del Personal Branding Online (e non solo): non esiste una strategia online buona o cattiva di per sè, dipende dal contesto e soprattutto dai propri obiettivi Eppure la domanda...

    “Gli schiacciatori NON parlano dell’alzata, la risolvono”

    Dopo John Wooden, un tecnico più vicino al nostro panorama sportivo: ecco un video di Julio Velasco legato alla "mentalità vincente" che su Facebook, come in Rete, sta raggiungendo una notevole visibilità. Velasco, ex commissario della nazionale italiana di...

    John Wooden: la differenza tra vittoria e successo

    John Wooden è considerato negli Usa uno degli uomini più vincenti, nonché il miglior coach, della storia dello sport. Il suo intervento su TED è illuminante per tante piccole cose: 17 minuti very inspirational! Un buon punto di partenza per...

    Seth Godin: Prima di tutto organizzane 1000

    Il solito magnifico Seth Godin ci illumina sull'importanza del Personal Branding e del Social Networking in un articolo che traduciamo qui dall'originale. Kevin Kelly ci ha cambiato il modo di pensare con il suo famoso articolo “1,000 true fans” . Ma...

    Anatomia del Personal Branding: una proposta

    Ryan Coleman ha creato un percorso concettuale sul Personal Branding a partire dalla sua interpretazione del fenomeno. Interessante soprattutto la divisione della reputazione personale attraverso 3 elementi alla sua base: Contesto Non esiste una singola reputazione, ma tante reputazioni in relazione al...